top of page

Cos'è la disinformazione?

                      Come identificare l'affidabilità delle informazioni o di una fonte

 

La disinformazione è un'informazione falsa che ha lo scopo di fuorviare. Le informazioni intenzionalmente fuorvianti o la disinformazione sono onnipresenti e possono essere estremamente pericolose. Se le persone vengono fuorviate da pubblicità ingannevoli, propaganda governativa, fotografie falsificate, documenti contraffatti, mappe false, frodi su Internet, siti Web falsi, possono essere danneggiate a diversi livelli (emotivo, fisico, ecc.). Per far fronte a questa grave minaccia alla qualità dell'informazione, le persone devono migliorare la comprensione della natura e della portata della disinformazione. Un modo per comprendere la disinformazione è identificare e classificare i vari tipi di disinformazione, come bugie, spin e voci. Se siamo consapevoli della definizione e dei vari modi in cui le persone potrebbero tentare di fuorviare, saremo in una posizione migliore per evitare di essere ingannati da informazioni intenzionalmente fuorvianti. 

La creazione, la diffusione e il consumo di disinformazione e contenuti fabbricati sui social media è una preoccupazione crescente, soprattutto con la facilità di accesso a tali fonti e la mancanza di consapevolezza dell'esistenza di tali false informazioni. Quindi dobbiamo stare molto attenti a quali siti ci fidiamo di essere informati. Devono essere validi e affidabili. Inoltre, dobbiamo stare attenti ai commenti che possono contenere una notizia in TV, sui giornali o sui media. 

Puoi trovare la definizione di disinformazione al seguente link: https://www.dictionary.com/browse/disinformation

 

Cos'è la disinformazione?

Come identificare l'affidabilità delle informazioni o di una fonte

 

La disinformazione è definita come "falsa informazione che viene diffusa, indipendentemente dal fatto che vi sia l'intenzione di fuorviare". Pertanto, secondo l'insider aziendale, le informazioni a cui si fa riferimento sono false o imprecise e spesso vengono diffuse indipendentemente dall'intento di ingannare. In generale, anche gli errori che vengono commessi in questa forma possono essere considerati non intenzionali. 

La disinformazione è correlata al verbo disinformare, che significa "dare informazioni errate o fuorvianti a" ed è stata registrata per la prima volta intorno al 1350-1400. È ovvio per il lettore che la disinformazione, come la disinformazione, non menziona nemmeno il motivo per cui questa informazione errata viene diffusa, solo che lo è.

La diffusione della disinformazione è un fatto comune nella nostra vita quotidiana. In quanto esseri umani, che vivono nel 21° secolo, abbiamo accesso illimitato alla tecnologia. Di conseguenza, accettiamo tutte le informazioni condivise con noi, senza perdere tempo a verificare se quanto riportato sia valido o meno. Pertanto, diffondendo le informazioni che ti vengono di fronte, puoi portare a disinformare le persone intorno a te. Tuttavia, anche se il diritto umano fondamentale della libertà di parola dovrebbe essere rispettato, i frequenti episodi di disinformazione possono portare a conseguenze disastrose. Prendendo in seria considerazione questo aspetto, le aziende internazionali che operano nell'ambito di Internet hanno lanciato iniziative per contrastare la disinformazione poiché può facilmente danneggiare la prospettiva di una serie di problemi e diventare infine disinformazione. 

Per riassumere, la disinformazione non è una questione di intenti, quindi è semplicemente un termine per qualsiasi tipo di informazione errata o falsa. 

 

Puoi trovare la definizione di disinformazione nel seguente link: https://www.dictionary.com/browse/misinformation 

 

Conclusione combinata

Tuttavia, è di fondamentale importanza che tutti sappiano come individuare la cattiva informazione e la disinformazione online per evitare di diffondere falsità ed essere critici quando si leggono notizie online, e in particolare attraverso i social media. 

 

Alcune buone pratiche per mitigare la disinformazione sono attraverso l'istruzione, la ricerca e la collaborazione con persone di fiducia. Inoltre, dobbiamo tenere presente che la disinformazione si trova spesso nella vita di tutti i giorni, anche se l'arte. Ecco perché dobbiamo sviluppare il pensiero critico in modo da poter distinguere tra informazioni corrette e affidabili e disinformazione.

Infine, va notato che in lingua greca le parole disinformazione e disinformazione hanno esattamente la stessa traduzione e lo stesso significato. 

 

 

 

 

 

 

 

 

Elenco dei link con suggerimenti:

Identificazione di notizie false - Notizie false - Guide di ricerca presso la Biblioteca della Ryerson University

Lotta alla disinformazione | Commissione europea (europa.eu)

 

#ThinkBeforeSharing - Fermare la diffusione delle teorie del complotto (unesco.org)

 

Notizie false e disinformazione online Ufficio delle pubblicazioni dell'UE (europa.eu)

 

Risorse "Fake News" - Insegnare notizie ai bambini

 

Notizie false - Notizie della BBC

Riferimenti:

Business Insider. 2021. Disinformazione e disinformazione: cosa sapere su ogni forma di informazioni false e come individuarle online. [online] Disponibile su: <https://www.businessinsider.com/misinformation-vs-disinformation>

 

Floridi, L., & Illari, P. (a cura di). (2014). La filosofia della qualità dell'informazione (Vol. 358). Cam: Springer.

 

Shu, K., Bhattacharjee, A., Alatawi, F., Nazer, TH, Ding, K., Karami, M., & Liu, H. (2020). Combattere la disinformazione nell'era dei social media. Revisioni interdisciplinari Wiley: data mining e scoperta della conoscenza, 10(6), e1385.

 

Strauss, V., 2018. Parola dell'anno: disinformazione. Ecco perché. [in linea] Il Washington Post. Disponibile su: <https://www.washingtonpost.com/education/2018/12/10/word-year-misinformation-heres-why/>.

Screen Shot 2023-06-28 at 15.29.56.png
bottom of page